Pneumatici: controllare la pressione per risparmiare e inquinare meno

Martedì 23 marzo 2010 da: Fabio Costantini
Pneumatici: controllare la pressione per risparmiare_2011

Circolare con pneumatici non gonfiati sufficientemente provoca una diminuzione della durata dei pneumatici, perchè l'attrito maggiore logora ben presto il battistrada e quindi vanno sostituiti molto prima dei pneumatici regolarmente gonfi.

Viaggiare con pneumatici sottogonfiati si ha un maggior consumo di carburante a causa della maggiore superficie di contatto tra la gomma e la strada, che fa aumentare la resistenza al rotolamento provocando un effetto fenante dell'auto.

Più consumo di carburante significa più emissioni di anidride carbonica e quindi più inquinamento, con conseguenze negative sul clima. E’ quindi necessario controllare la pressione delle ruote, almeno una volta al mese e prima di intraprendere lunghi viaggi, nonché verificare se ci sono tagli, rigonfiamenti, screpolature, che possono nascondere difetti strutturali del pneumatico. Una pressione insufficiente aumenta le probabilità di scoppio della ruota,responsabile di incidenti stradali. Il controllo della pressione è un'operazione da effettuare a pneumatici freddi in quanto durante l’utilizzo della vettura i pneumatici si riscaldano e la pressione aumenta.

Effettuare il controllo con pneumatici caldi, la pressione va aumentata, rispetto a quella consigliata dalla Casa costruttrice di circa 0,2/0,3 bar.

motoriblog commenti

feed rss