Salvaguardare carrozzeria e fari: ecco la pellicola protettiva

Mercoledì 16 marzo 2011 da: Anonimo
Salvaguardare carrozzeria e fari: ecco la pellicola protettiva_5383

La bellezza delle auto moderne è sicuramente data dalle linee filanti e mozzafiato, dagli accessori come spoiler e cerchi in lega e dalle tinte fiammanti che quando colorano anche i paraurti rendono la nostra automobile ancora più bella. Ovviamente con tutta l’accortezza e l’attenzione massima che possiamo utilizzare affinché non si danneggino carrozzeria e fanali quando utilizziamo l’autovettura in determinate circostanze (come ad esempio quando parcheggiamo), non possiamo fare diversamente quando ci troviamo a percorrere strade sporche e malandate piene di pietrisco e polvere grossa che purtroppo e contro ogni nostro tentativo, tende a danneggiare in particolare la parte anteriore dell’autovettura e i fari. Per ovviare a questo problema negli ultimi tempo alcune case produttrici di accessori da esterno per auto, hanno sviluppato delle pellicole resistenti ed invisibili che vengono applicate sul frontale dell’autovettura e sui fari per difendere le parti più esposte appunto, dai danni di pietrisco, moscerini ecc ecc. La loro caratteristica è quella di aderire perfettamente su ogni forma della carrozzerie, anche quella più particolare, migliorandone anche la cristallizzazione dando l’idea di una forma estetica ancora più eccellente senza ingiallirsi negli anni o consumarsi. Ovviamente la pellicola anche se trasparente è molto resistente ai graffi anche se in caso ad esempio di un urto sulla carrozzeria, il film nonostante sopporti il danno sarà necessariamente sostituito. Le case produttrici di autovetture di un certo livello (tipo Ferrari, Maserati, Lamborghini) permettono già ai clienti che lo desiderano di applicarle alla propria top car, anche se l’installazione, onde evitare una pessima aderenza o l’uscita sulla carrozzeria di grinze e bolle (con conseguente perdita in chiave estetica del mezzo), deve sempre essere fatta da mani esperte.

motoriblog commenti

feed rss