RC Auto: più trasparenza nei contratti di assicurazione

Giovedì 17 febbraio 2011 da: Anonimo
RC Auto_5090

Ogni qual volta ci rechiamo in Agenzia di assicurazioni per stipulare il nuovo contratto assicurativo alla scadenza annuale o quando dobbiamo sostituire la polizza perché abbiamo acquistato l’auto o la moto nuova, ci viene sempre chiesto di sottoscrivere il nuovo contratto dove sarà necessario apporre una moltitudine di firme. A partire dal 1 dicembre però è entrato in vigore il nuovo regolamento dell’ISVAP sull’informazione e la pubblicità dei prodotti assicurativi, il che significa maggiore trasparenza per le polizze Rc auto, specialmente per quanto riguarda le cosiddette clausole “trabocchetto”. Sottolinea l’Isvap che prima della sottoscrizione il cliente adesso deve ricevere il fascicolo informativo, differenziato per tipologia di veicolo e le Compagnie devono illustrare con particolare evidenza clausole e termini che prevedono oneri a carico del contraente oppure sospensioni, limitazioni o esclusioni della copertura. E’ stato fatto obbligo alle Compagnie assicurative di rispondere per iscritto ed entro venti giorni, ad ogni richiesta di informazioni ricevuta dai contraenti, oltre a pubblicare sui propri siti internet l’elenco dei centri di liquidazione sinistri con i relativi recapiti indicando sia l’area di competenza che gli orari di apertura. L’Ania, e le associazioni dei consumatori si ritengo già soddisfatte di questo cambiamento in quanto le nuove disposizioni migliorano la trasparenza anche se l’obiettivo futuro dovrà essere quello di pensare ad una informazione sintetica che illustri in breve quali sono le caratteristiche della polizza, i rischi, compreso quelli esclusi, in quanto una documentazione troppo ampia e di difficile lettura rischia di non essere letta dal cliente con tutte le conseguenze del caso. Le disposizioni del nuovo regolamento riguardano anche le coperture obbligatorie e interesseranno i contratti stipulati o rinnovati dopo l’entrata in vigore del regolamento stesso. Per maggiori informazioni vi consigliamo sempre di rivolgerVi al vostro Agente di fiducia o di chiedere informazioni attraverso l’apposita sezione per i commenti.

motoriblog commenti

feed rss

contratto assicurazione

Ritratto di Greco Catello
Mi accingo a stipulare un nuovo contratto di assicurazione. La più vantaggiosa è stata quella proposta da CONTE.IT Questa assicurazione prevede che si può assicurare la macchina a nome del propietario residente in pr di Napoli e Attestato di riscio 1 e come 1° guidatore a nome del figlio residente a Roma che non ha attestati di rischio. Questa modalità fa rientrare il costo nelle tariffe di Roma molto più economiche. Questa modalità di contratto non è prevista da altre assicurazioni o almeno per quelle da me interpellate. Chiedo è legale e valida una assicurazione stipulata così; o c'è qualche inganno. In attesa di un riscontro grazie Greco Catello

ciao non so se è legale o

Ritratto di Mark
ciao non so se è legale o meno, credo di si per potertela far stipulare. Puoi provare a chiedere anche ad altre assicurazioni e perchè non lo fanno le altre per l'appunto. facci sapere che ultimamente ho visto anche io questa assicurazione online ma sono ancora un pò titubante in merito a tali tipi di assicurazioni :)

polizza rca

Ritratto di gaetano
posso firmare io ,figlio,ve un contratto rca intestato a mia madre?

informazioni su stipula rc auto

Ritratto di ETTORE
Ho bisogno di un charimento sulla stipula di una RCauto. 1)Il sottoscritto è proprietario, contraente di polizza e conducente principale dell'auto Y in una città; 2)Un mio familiare è propietario e contraente di polizza rca dell'auto G in un'altra città; Il mio familiare guida poco o niente l'auto G perchè la guido maggiormente io... Si può stipulare una polizza, sull' auto G, in cui: -lui resta proprietario dell'auto così da non pagare il passaggio di proprietà) -lui resta contraente intestatario dell'assicurazione così da non perdere la classe di merito -io mi dichiaro conducente principale

Affermativo

Ritratto di Giuseppe L.
Sì si può fare, basta parlarne direttamente con l'assicurazione, il proprietario ed il conducente e a loro volta il conducente ed il conducente abituale possono essere persone (fisiche o giuridiche) diverse. Non ho però capito cosa c'entri il punto 1.