Il Filtro Antiparticolato, quale sarà il suo futuro?

Martedì 8 febbraio 2011 da: Anonimo
Il Filtro Antiparticolato e i suoi problemi_5025

Uno dei principali problemi delle automobili diesel di ultima generazione è dovuto ai limiti del filtro antiparticolato , il dispositivo che tramite un processo pre combustione, brucia le polveri sottili prodotte dal carburante e presenti nei gas di scarico, pericolose per l’ambiente. Infatti può capitare spesso di dover riprendere a circolare dopo esserci fermati per poter completare la pulizia delle polveri accumulate all’interno del filtro (mantenedo una velocità costante di circa 70 – 80 Km orari per permettere di raggiungere temperature ideali per l’operazione) o addirittura in alcuni casi ci si vede costretti a portare l’auto in officina per far ripulire il filtro. Talvolta può essere necessario addirittura cambiare l’olio prima del dovuto in quanto viene diluito da una parte del gasolio iniettato in fase di scarico per portare il filtro alla temperatura di 630 gradi, e far bruciare appunto il particolato. Nell’ultimo periodo le case costruttrici stanno implementando soluzioni per migliorare i limiti del filtro antiparticolato, ad esempio avvicinando il sistema al motore in modo da mantenerlo più caldo; ma per il futuro sono previste altre migliorie per eliminare tutte le problematiche, come ad esempio l’introduzione proprio di un nuovo filtro, sviluppato dalla Panasonic, la cui particolarità del sistema prevede l’impiego di metalli alcalini, al posto del platino, per il rivestimento del nucleo ceramico, in modo tale da permettere l’ossidazione del particolato già a temperature inferiori almeno di un 20% in meno rispetto a quelle attuali, oltre all’eliminazione degli additivi (che sono comunque nocivi per la salute dell’uomo) utilizzati dal gruppo PSA, con il FAP. Con queste novità prossime ad essere introdotte, oltre ad una migliore gestione dell’autovettura, pare che il nuovo DPF sarebbe anche più economico da produrre, grazie all’eliminazione del platino, sperando che il tutto possa essere vantaggioso anche per chi acquista l’automobile.

motoriblog commenti

feed rss

filtro antiparticolato

Ritratto di Anonimo
Hanno trovato il sistema per non farci piu acquistare vetture diesel,e'assurdo costruire delle vetture per poter circolare in citta senza inquinare e poi ci sentiamo dire dai concessionari che la colpa dell'intasamento del filtro antiparticolato e' nostra perche' viaggiamo troppo in centro, qiundi motore in recoveri, e devi andare da una officina del marchio della tua vettura ( altrimenti la rigenerazione forzata non te la puo fare nessun altro )e non ti deve accadere di domenica ne se sei in salita altrimenti resti a appiedi,non parliamo poi dell EGR altro marchingegno che ti lascia a piedienon prendiamoci in giro inquiniamo ugualmente e' solo un busines di ricambi un diesel euro5 usato non vale piu niente.Tanto valeva togliere il diesel di mezzo come stanno facendo col motore a 2 tempi.

Se non fosse che il filtro

Ritratto di Anonimo
Se non fosse che il filtro anti-particolato riduce le dannose pm10 nelle DANNOSISSIME pm2.5 e pm1 ovvero particelle molto piu' piccole e che vengono inalate molto piu' in profondita' inducendo molto peggiori danni all'organismo.