Un pericoloso nemico sulla strada: la nebbia

Martedì 11 gennaio 2011 da: Anonimo
Un pericoloso nemico sulla strada: la nebbia_4765

Uno dei maggiori pericoli che possiamo incontrare durante un viaggio è quando all'improvviso ci ritroviamo all'interno di un banco di nebbia molto fitto che riduce in pochi attimi la visibilità, alle volte davvero quasi a zero. Bisogna dire subito che la nebbia è purtroppo una delle maggiori cause di incidenti sulle strade italiane: si stimano circa 2700 sinistrti all'anno.

La nebbia non si trova solo nelle fredde e strette strade di montagna, ma anche in autostrada ci si può imbattere in pericolose formazioni che rendono molto difficile la guida; tenete presente però che la nebbia si forma in zone basse,  umide e poco ventilate ed in particolare nelle prime ore del mattino.

Ma come comportarsi quando ci troviamo di fronte questo nemico? Innanzitutto la prima regola è quella di diminuire immediatamente la velocità di marcia ed avere la massima prudenza, specialmente quando ci troviamo su strade trafficate ed autostrade.

Se la visibilità è molto bassa, non affidiamoci a chi ci stà davanti come punto di riferimento ma piuttosto utilizziamo la segnaletica di margine; ovviamente, se disponibili, è importantissimo tenere accere sia i fendinebbia, che proiettano la luce proprio verso l'esterno permettendoci di utilizzare, appunto, la segnaletica a margine della strada, sia il retronebbia, utile per farci avvistare in tempo utile dalle automobili che ci seguono da tergo.

Altre fondamentali regole sono aumentare la distanza di sicurezza in base alla visuale che abbiamo dall'abitacolo, azionare di tanto in tanto i tergicristalli per eliminare le particelle d'acqua che si depositano sul parabrezza, tenere acceso il riscaldamento in modo tale da permettere al vetro anteriore di non appannarsi, riducendo ulteriormente la visuale di guida; ancora è importante non effettuare manovre azzardate di sorpasso, evitare di scendere dall'auto se non, in casi necessari, indossando le giacchette catarinfrangenti,

Prima di chiudere va ricordato che molte iniziative sono state messe in opera per aiutare gli automobilisti a guidare nella nebbia: dalla segnaletica orizzontale e verticale ad alta visibilità, sistemi di bande rumorose a terra per delimitarei confini delle corsie e delle carreggiate, finanche ad una illuminazione particolare ad intermittenza, utilizzata sulla A13 Bologna-Padova per 17Km: nessuna di queste ha maio dato i risultati sperati.

Il nostro consiglio è di mettersi in viaggio nelle ore centrali della giornata quando sappiamo di attraversare zone stradali ad alta concentrazione di nebbia, mantenendo sempre alto il livello di prudenza.

motoriblog commenti

feed rss