Parabrezza rotto: ripararlo di certo, ma come?

Venerdì 17 dicembre 2010 da: redattore
Parabrezza rotto_4584

Specialmente per chi viaggia spesso su strade sterrate, o magari trafficate in modo particolare da mezzi pesanti e mezzi d'opera, può succedere che del pietrisco, a volte schizzato anche da un mezzo che si trova davanti la nostra autovettura, o piovuto da un cavalcavia, o un cantiere, posso andare a colpire il parabrezza della nostra auto, danneggiandolo o scheggiandolo, anche minimamente.

Molte volte il danno è talmente piccolo e individuato in una parte del vetro poco utilizzata durante la marcia, che si potrebbe pensare di sorvolare sulla riparazione. Ma un parabrezza scheggiato può comunque diventare un problema; infatti può accadere che o la lesioni aumenti di volume, diventanto impossibile da riparare, o nei casi più pericolosi il parabrezza può incrinarsi all'improvviso, senza alcuna colpo (o magari in seguito ad un sobbalzo per colpa di un fosso) arrecando notevoli problemi e mettendo in pericolo la sicurezza dell'autovettua. Senza tenere conto che un parabrezza scheggiato, potrebbe anche non dare la regolarità in fase di revisione dell'automezzo, effettuata per legge.

Cosa fare allora? Se siamo in grado di individuare l'automezzo dalla quale è schizzata la pietra, possiamo rivogerci alla nostra  Compagnia di Assicurazioni al fine di pretendere il risarcimento del parabrezza rotto tramite indennizzo diretto (è importante però recuperare almeno il proprietario dell'autovettura e il nome della Compagnie per permettere al nostro Agente di adoperarsi per farci risarcire il danno).

Al contrario se non siamo in grado di individuare da quale parte è saltata la pietra, abbiamo ancora una possibilità tramite il canale assicurativo: la polizza per i cristalli è una garanzia opzionale molto diffusa e, spiecialmente per chi viaggia spesso con l'auto, inserita nella polizza Rc auto. Una volta verificata l'esistenza nel nostro contratto assicurativo, possiamo rivolgerci sempre alla nostra Agenzia di Assicurazioni che provvederà ad insirizzarci ad una delle Società convenzionate che si occupano della sostituzione dei cristalli rotti (Carglass, Doctor Glass, ecc) che effettueranno l'operazione fino al massimale indicato nella polizza. che di solito arriva a cinqucento, seicento euro di danno, senza l'applicazione di alcuna frachigia.

Infine se non è possibile far intervenire in nostro aiuto la copertura assicurativa, abbiamo ancora l'arma della "riparazione"; infatti i centri specializzati hanno la possibilità di effettuare una vera e propria riparazione (ovviamente per danni piccoli) in pochissimo tempo (circa mezz'ora) e con una spesa molto modesta; Un parabrezza riparato da uno specialista riacquisterà la stessa resistenza che aveva prima di danneggiarsi.

motoriblog commenti

feed rss

bell articolo consiglio anche io di assicurare i vetri dell'auto

Ritratto di moreno
io ho l'assicurazione, è vero è un'ennesima spesa, ma lo è di piu se non lo fai... poi per fortuna ci sono centri dove in fretta ti mettono a posto il danno come carglass doctor glass o ancora meglio glassdrive

Polizza assicurazione

Ritratto di Giuliano Cosimetti
La cosa migliore da fare è assicurare i cristalli con una bella polizza. I casi di danneggiamento in autostrada sono molto frequenti.