Come compilare il modello Cid in caso di sinistro

Giovedì 16 dicembre 2010 da: redattore
Come compilare il modello Cid in caso di sinistro_4574

E' capitato a tutti di incorrere in un sinistro stradale con la nostra autovettura; la prima volta non si sa mai come comportarsi,  e alle volte non sappiamo se siamo nel torto o nella ragione e in quest'ultimo caso il dilemma è come comportarsi per poter ottenere il risarcimento e  fare riparare la nostra auto ed o.

Tutti conosciamo bene il famoso modello CID, che in realtà si chiama modello CAI (constatazione amichevole di incidente), ma probabilmente non sappiamo compilarlo; bene in poche righe vi spieghiamo come fare quando incontriamo una persona onesta e corretta che ammette di essere stato la causa dell'incidente  e si presta a sottoscrivere il modello assumendosi la responsabilità.

In primo luogo vanno indicati la data dell'incidente, l'ora approssimativa e il luogo del sinistro, in modo da far verificare all'Agenzia di Assicurazione la validità delle polizze e delle garanzie. E' importante scrivere in modo leggibile, possibilmente in stampatello.

Seconda cosa bisogna indicare la presenza eventuale di feriti (sperando che non ce ne siano, come nel nostro caso di prova), l'eventuale presenza di altri veicoli o cose danneggiate; questa parte è molto importante perchè se vi dovessero essere più macchine coinvolte, non sarebbe applicabile la convenzione dell'indennizzo diretto e il risarcimento dovremmo chiederlo alla Copagnia di controparte.

Indifferentemente dalla sezione A di colore blu e B di colore Giallo, andremo ad indicare tutte le informazioni  degli attori: nome, cognome, indirizzo e città di residenza, ed un eventuale numero di telefono; successivamente ci verrà chiesta la marca e il modello dell'auto e la targa (fondamentale scriverla correttamente, altrimenti i tempi dell''indennizzo potrebbero allungarsi). Seguono poi i dati sul nome della Compagnia di assicurazione, sull'indicazione del numero di polizza e sull'ubicazione dell'Agenzia dove la nostra polizza è stata stipulata (questi dati sono facilmente reperibili sul "certificato di assicurazione" in nostro possesso, obbligatorio da tenere in auto per essere esposto in caso di verifica dalle forze dell'ordine. indifferentemente possiamo indicare se anche i danni della nostra auto possono essere risarciti (vale solo se abbiamo torto!).

Successivamente vanno indicati i dati personali del conducente compreso i dati della patente di guida (numero, tipo, emissione e validità).

Ultimo in ordine ma fondamentale per importanze è l'indicazione con una crocetta (o "X" ) della circostanza dell'incidente, vale a dire indicare, in base alle descrizioni indicate, come è avvenuto l'incidente; solo se correttamente indicate l'Assicurazione potrà capire se l'assicurato ha torto o ragione, quindi se non siamo certi di come comportarci,  conviene chiedere al nostro assicuratore; non è necessario disegnare l'incidente ma più che altro segnare sui disegni delle autovetture il punto d'urto, in modo da facilitare il perito a stimare il danno e  fare la liquidazione.

A questo punto non ci resta che apporre le firme nello spazio bianco in basso compreso tra A e B e trattenere due copie per parte da consegnare il prima possibile all'Agenzia di assicurazione.

Se avete dubbi scrivete nei commenti e cercheremo di darvi qualche indicazione più precisa o rivolgetevi alla vostra Agenzia di fiducia.

motoriblog commenti

feed rss

Se ci sono piu di 2 feriti nel veicolo A

Ritratto di Mario
Come da oggetto... se nel veicolo A ci sono 4 feriti... come faccio ad inserire i dati visto che la seconda parte dei CAI consente di inserirne solo x 2 feriti? Grazie in anticipo!