Pagani Zonda C9: pizzicata on the road!

Lunedì 10 gennaio 2011 da: Anonimo

La nuova creatura di Horacìo Pagani ha stuzzicato la curiosità degli appassionati di tutto il mondo. Non potrebbe essere altrimenti, anche perché la versione attuale della Zonda nelle sue diverse versioni ha frantumato diversi record (straordinario esempio è il tempo di 6 minuti e 47 secondi sul vecchio Nurburgring ottenuto dalla Zonda R), e le aspettative sono altissime. Un prototipo della nuova supersportiva è stato sorpreso e filmato durante un turno di test su strada. La carrozzeria si presenta affusolata, impressionante è il padiglione posteriore che discende in modo estremamente dolce verso la coda per esigenze aerodinamiche. Il posteriore presenta luci a 3 elementi circolari e gli immancabili 4 scarichi "alti". Le dimensioni dell'estrattore posteriore sono enormi, mentre non sono presenti alettoni, sintomo di un'aerodinamica curata, che non ha bisogno di ulteriori appendici che inevitabilmente "sporcherebbero" la linea. La posizione degli specchi è molto particolare, questi sono infatti posti sui passaruota anteriori, in posizione molto avanzata. L'unica parte della vettura che sembra passibile di consistenti modifiche, perchè probabilmente pesantemente camuffata, è il frontale che si presenta ornato di una grossolana griglia. I cerchi al contrario sembrano quanto mai definitivi e assolutamente gradevoli, con l'andamento a vortice delle razze. Sul fronte motoristico la Zonda C9 dovrebbe montare un 6,0l V12 biturbo da circa 700 CV ed oltre 1000 Nm di coppia massima. Secondo indiscrezioni il propulsore non deriverà da unità già esistenti e sarà quindi sviluppato appositamente per questa vettura. Le prestazioni indicative non sono state dichiarate, ma è facile che la velocità massima superi i 350 km/h e che il canonico 0-100 venga coperto in circa 3 secondi.