Trabant nT: il suo futuro è a rischio per carenza di fondi

Giovedì 30 dicembre 2010 da: Anonimo

Per coloro che non conoscono la Trabant è bene premettere che si tratta di un’utilitara molto conosciuta costruita nel periodo della Berlino divisa tra U.S.A. e U.R.S.S. (e non solo). La Trabant era familiare a chi abitava dal lato comunista della cortina di ferro e, anche se non era tecnologicamente avanzata (carrozzeria in resina e motore a due tempi), era però l’unica auto per migliaia di persone nei paesi dell’Europa dell’est, cosa che le ha poi concesso di avere un gran numero di club dedicatigli da proprietari, fans e addirittura preparatori. Tornando ai giorni nostri invece, è arrivato il momento di parlare di un piccolo progetto che ha preso vita con l’azienda tedesca Herpa, la quale ha pensato bene di offrire una Trabant ridisegnata, che ricorda molto l’antenata, con motore elettrico e quindi adatta al XXI secolo. Presentata al salone di Francoforte dello scorso anno, la vetturetta stava per incamminarsi verso un futuro promettente ma il progetto è stato da poco rallentato a causa della mancanza di fondi da investire. Putroppo i 30 milioni di euro necessari per avviare il progetto non sono mai stati trovati nonostante l’interesse suscitato dal prototipo. D’altro canto però i piani per lo sviluppo della Trabant nT non sono stati cancellati ma, a detta degli sviluppatori, subiranno dei leggeri ritardi. La piccola elettrica dovrebbe approdare sul mercato entro il 2012 a prezzi compresi tra i 20.000 e i 25.000 €, cifre competitive per le vetture elettriche. Per quanto riguarda le prestazioni sappiamo che il motore elettrico della Trabant nT svilupperà 45 kW di potenza, il che le consentirà di raggiungere i 130 km/h di velocità massima e, grazie alle batterie agli ioni di litio, sarà in grado di percorrere 160 km con una sola carica.